associati

 

0001


Consulta il programma definitivo

Programma.pdf

 


 

HomeHome PageCosì il gioco d'azzardo fa male al sesso

Così il gioco d'azzardo fa male al sesso

azzardo

Ecco gli effetti negativi sulla sessualità dell'uomo e della donna

Una nuova causa di disturbo sessuale si sta facendo strada tra giovani e meno giovani, uomini e donne: si tratta della febbre per il gioco di azzardo. "Nel maschio si osserva spesso eiaculazione precoce e calo del desiderio, nella donna mancanza del desiderio sessuale.

Nel corso dell'ultimo anno abbiamo osservato 26 soggetti dediti al gioco d'azzardo che lamentavano disturbi sessuali: 18 maschi e 8 donne". Parola di Aldo Franco De Rose, urologo e andrologo della Clinica urologica di Genova e presidente dell’Assai (Associazione andrologi italiani). 

 

Lo studio

L'età media dei maschi era 58 anni, mentre quella delle donne di 55. Tutti erano dediti al gioco da più di un anno esoffrivano di disturbi sessuali da oltre sei mesi. In particolare, 14 uomini soffrivano di eiaculazione precoce, 6 anche di disfunzione erettile e 4 di mancanza di desiderio, mentre tutte le donne lamentavano mancanza di desiderio e quindi diminuzione dei rapporti sessuali, ridotti a 1 ogni 40 giorni rispetto ai 2-3 a settimana prima dell'insorgenza del disturbo. Gli esami ormonali di maschi e femmine erano nei limiti della norma, e i maschi presentavano normali erezioni notturne.

 

I soggetti tipo

"La sensazione - sottolinea De Rose - è stata molto differente rispetto ai soggetti che abitualmente lamentano questi disturbi sessuali. In realtà sembrava che nessuno dei pazienti volesse risolvere realmente il problema sessuale in sé, ma farlo per attenuare una situazione di convivenza già difficile all’interno del nucleo familiare, per via del gioco".

Si tratta di soggetti con disturbi del controllo degli impulsi (Impulse Control Disorders), cioè da disordini di pertinenza psichiatrica. "Può anche essere - dice De Rose - che compaiano sentimenti negativi di colpa o di rimorso, se ancora la psiche e le emozioni sono integre. In questo contesto e solo a questo momento si concretizzano le richieste di aiuto sessuale del soggetto, che tendono a scomparire non appena sopraggiungono nuovamente tensione emotiva e tentazione di compiere un nuovo atto dannoso".

 

La libido? Per il gioco, non per il sesso

Nel giocatore d'azzardo la libido sembra fissarsi nella ricerca di una nuova forma di gratificazione, "dando vita a un loop infinito e sterile", spiega lo psicologo romano Vincenzo Chiriacò. "Infatti quello che caratterizza e attrae il soggetto, non è solo il desiderio di realizzare una vincita, ma tutto il rituale che si struttura intorno: dal pensiero unidirezionale verso il gioco al momento in cui si schiaccia quel magico bottone dispensatore di forti sensazioni e di emozioni, delle quali spesso non si riesce più a fare a meno". "Molte volte però - interviene l'analista del comportamento Raffaella Longo - questo comportamento sembra un rudimentale tentativo del soggetto di trovare una via d'uscita a una situazione disfunzionale precedente".

 

Un appagamento illusorio

Considerati questi presupposti e il parallelismo che esiste tra il rituale del gioco e il rituale del sesso, "dove in entrambi i casi il piacere non è dato solo dal raggiungimento dell'obiettivo (orgasmo e vincita) ma è il rituale stesso a rappresentare la fonte dell’appagamento, potremmo chiederci se il soggetto con problemi nella sfera della sessualità tenti, a causa di questo fallimento, di spostare l’energia psichica in un campo limitrofo, come quello del gioco d’azzardo, in cui può trovare un illusorio appagamento che gli permetta di non percepire l’ansia e i vissuti depressivi alla base della sua condizione".

La raccomandazione degli esperti è quella di rivolgersi a specialisti del settore per affrontare sia problemi relativi alla sessualità che al gioco d’azzardo compulsivo.

 

da Repubblica.it del 29/11/2013

Gioco d'azzardo il bluff a letto

Al congresso nazionale degli andrologi si parla di sessualità, malattia e dipendenze
 

Se un poker elettronico (ma anche solo un full, una scaletta) può rallegrare una giornata uggiosa, la partita giocata alla macchinetta dietro l'angolo può rivelarsi meno gioiosa la notte. Quando gettando le carte (le lenzuola) ecco sul tavolo (sul materasso) il bluff. 

Le disfunzioni da ludopatia sono tra i temi che l'Associazione Andrologi Italiani affronta nel primo congresso nazionale "Il benessere sessuale e riproduttivo della coppia" che si chiude oggi a Camogli: infertilità e incontinenza, calo della libido nei soggetti oncologici, fallimentari prestazioni. 

Da stress, appunto: "Eiaculazione precoce, deficit erettili, mancanza di desiderio" spiega il professor Aldo Franco De Rose, andrologo del San Martino e presidente AssAI, sono i risultati di un'indagine sulle relazioni tra sessualità e gioco d'azzardo. Troppe distrazioni, meglio tornare alla briscola.

Loading feeds...

Custom Logo Design

Canale ASS.A.I.

Facebook

Eventi...

Convocazione Riunione Annuale Soci

09-12-2016 Hits:1866

Carissimi Soci invito ufficiale rinvio della riunione annuale dell'assai convocata per il 2016 al fine di integrare gli argomenti da discutere.- in prima convocazione  il giorno 14 gennaio alle ore 21.30- in seconda convocazione...

Dettagli...

4° Congresso Nazionale dell'Associazione Andrologi…

20-10-2016 Hits:2801

Programma.pdf   Roma 11, 12 Novembre 2016   La Coppia e l'universo maschile   L’Associazione Andrologi Italiani (ASSAI), è pronta per il suo  4°congresso “La Coppia e il Benessere dell’uomo”.  La caratteristica principale dell’evento  sarà...

Dettagli...

1° Congresso regionale dell'Associazione Andrologi…

03-05-2016 Hits:4794

Programma.pdf  Palermo 11 giugno 2016   Roma     18 giugno 2016   Genova  02 luglio 2016        Nuove strategie di prevenzione andrologica.  "Consapevole è Assai meglio"             L’Associazione Andrologi...

Dettagli...

Io uomo tu donna

Infertilità maschile, la prevenzione primaria esis…

15-01-2017 Hits:277

Di: Fabrizio Gallo Di fronte al crescente problema dell'infertilità di coppia una parte molto importante del lavoro del medico deve essere rivolta innanzitutto alla prevenzione primaria, cioè all'individuazione ed eliminazione dei...

Dettagli...

L’ offensiva virale e la coppia: HIV e HPV

09-12-2016 Hits:473

Di: Gianfaldoni Roberto, Gianfaldoni Serena. La cute rappresenta la facciata monumentale dell’organismo e non può nascondere le alterazioni che dovessero alterarne la salute. Nel rispetto della regola “Intus et in cute, intus...

Dettagli...

L’infertilità della coppia: aspetti psicogeni

02-12-2016 Hits:421

Di: Zaira Donarelli L’incidenza della condizione di infertilità è aumentata sensibilmente negli ultimi decenni e circa il 56% di coppie infertili si sottopone a trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), svolti...

Dettagli...

Con noi online...

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

Contatti - Info

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Via Torrevecchia 298, 00168 Roma